Nel silenzio di un luogo della memoria

I Cimiteri - "dormitori" nella loro etimologia - sono certamente anche "luoghi della memoria", memoria per chi ritrova un caro estinto, un figlio, una moglie, una madre, ma anche memoria di un tempo terreno ormai andato, non solo per chi li "abita", ma anche di un tempo storico orma irrimediabilmente passato. Lo sono in particolare … Leggi tutto Nel silenzio di un luogo della memoria

LIBRI e MATERIA

C'è un Tempo per ogni Cosa...

Per caso questa mattina, durante una passeggiata nel centro storico della mia città, mia moglie ed io, ci siamo imbattuti in una mostra organizzata negli spazi del Consorzio Creativo di Modena …peraltro, ultimo giorno.

“Libri Arsi” di Patrizio Marigliano

Copertina della brochure dell’Artista

In realtà il titolo della mostra non era perfettamente calzante rispetto l’immagine e la sensazione restituita dalle opere presentate.
Certamente era riconoscibile la “materia prima”, l’essenza originaria di queste “opere materiche”, queste “sculture”, se volessimo utilizzare un termine non del tutto appropriato. Non ci siamo trovati infatti difronte a “libri (semplicemente) arsi”, ma a libri che sono reinventati, reinterpretati, trasformati in qualcosa di sostanzialmente nuovo e unico.

Un percorso creativo quello di Marigliano che non è opera distruttiva o destrutturante del libro-rivista-magazine-carta stampata, ma al contrario trasmette “amore” per un oggetto che taluni considerano già morto e sepolto nella nostra generazione digitale, quella degli “e-book” (che per…

View original post 319 altre parole

TETRIS

Una piccola soddisfazione... Questa mia immagine (tra l'altro scattata con un cellulare... avevo esaurito le batterie della mia fotocamera😑) è stata scelta per far parte delle 60 immagini della nuova collezione 2018 di Arthink Edition Potete anche acquistarla  - divisa su tre supporti - QUI Chi riconosce il soggetto? © Mario Barbieri Salva

Luce e tenebre

Quand'eri bambino il buio ti atterriva. Quand'eri bambino il buio rifuggivi. Ma nei tuoi incubi ti afferrava. Oggi forse hai più di coraggio. Ma le tenebre in agguato stanno. La Luce si è fatta innanzi. La Luce ti ha sedotto. E tu ti sei lasciato sedurre. La Luce ha sconfitto le tenebre e ti ha … Leggi tutto Luce e tenebre

Dicembre 2005

Eri rimasta lì dopo il sole dopo le risa dopo i giochi gli assalti e le arrampicate. Eri rimasta lì ammantandoti di gelo incurante della nebbia in solida attesa. Di altro sole di altre risa di altri giochi di altre arrampicate. Foto (e testo) © Mario Barbieri

Luci e ombre a Bologna

Cosa sarebbe un mondo immerso nel buio? Niente colori, niente contrasti, niente volumi… un indistinto grigio tendente al nero. Anche la luce totale talvolta è straniante, appiattisce, abbaglia, disorienta. Nel gioco dei chiaro scuri le forme si esaltano, alcune si celano, si nascondono o si rivelano. Mutano, lasciando spazio all'immaginazione, al dubbio, alla scoperta. Queste … Leggi tutto Luci e ombre a Bologna

Quanta strada assieme…

Quanta strada assieme, quanta strada... Ancora stringo la tua mano, come quel giorno... Come quel primo giorno. Non la lasciare, non mi lasciare... Mi lascerei morire. Stringendo la tua mano, senza parlare. Foto (e testo) © Mario Barbieri

Venerdì Santo 2017

  Che ti hanno fatto Figlio... Che ti hanno fatto uomo... Che ti hanno fatto Dio mio! Davanti a te ci si copre il volto tanto il tuo era sfigurato! Dall'orrore di sangue rappreso. Dalla sofferenza d'infame condanna. Che ti hanno fatto Figlio... Che ti hanno fatto uomo... Che ti hanno fatto Dio mio! Morte … Leggi tutto Venerdì Santo 2017

Disteso…

Né in cielo né in terra stai disteso, ad un filo appeso. Aspetti di aprire gli occhi... o almeno che qualcuno ti tocchi. Photo © Nick Sparks Testo © Mario Barbieri

Solo per te…

Solo per te i colori quel giorno, cangianti in un arcobaleno danzante. Così trasparenti da vederci il futuro, si modellavano senza una forma. Non puoi trattenerti li afferri... svaniscono in quell'istante! Come un sogno al risveglio... restano dita bagnate di freddo. Foto (e testo) © Mario Barbieri